Corsi di formazione gratuiti per giovani e adulti disoccupati e inoccupati dell'Umbria | Corso gratuiti Umbriattiva giovani e adulti in Umbria 2018 - Educatore animatore
Ai sensi della legge regionale n. 30/2005, è Educatore animatore colei/colui che accoglie uno o più bambini, in età compresa fra i dodici mesi ed i sei anni, in luoghi appositamente attrezzati
corso gratuito, gratis, educatore, animatore, umbria, giovani, adulti, umbriattiva
16106
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16106,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-16.9,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.5,vc_responsive

Educatore animatore

La figura professionale
Ai sensi della legge regionale n. 30/2005, è Educatore animatore colei/colui che accoglie uno o più bambini, in età compresa fra i dodici mesi ed i sei anni, in luoghi appositamente attrezzati (spazi gioco, centri ricreativi) svolgendo attività di animazione ludiche e ricreative finalizzate a favorire la socializzazione, lo sviluppo delle capacità creative, lo sviluppo delle potenzialità di crescita del bambino, nel rispetto dei tempi individuali.

Gli obiettivi del corso
Il presente percorso ha l’obiettivo di formare e qualificare Educatori-animatori, i quali, ai sensi della legge regionale n. 30/2005, siano in grado di accogliere uno o più bambini con età compresa fra i dodici mesi ed i sei anni, anche in collaborazione con altre figure professionali, in luoghi appositamente attrezzati (spazi gioco, centri ricreativi) svolgendo attività di animazione ludiche e ricreative finalizzate a favorire la socializzazione, lo sviluppo delle capacità creative, lo sviluppo delle potenzialità di crescita dei bambini, nel rispetto dei tempi individuali.
Frequentare il presente percorso permetterà ai partecipanti di operare con professionalità nell’ambito dei servizi per l’infanzia, in strutture come baby parking e ludoteche, servizi integrativi al nido e alla scuola materna, asili aziendali, centri gioco, centri estivi per attività di animazione sia individuali che di gruppo, centri aggregativi creati all’interno delle scuole o durante il dopo scuola, centri commerciali o grandi aeroporti, nidi domiciliari.

I risultati attesi
Al termine del percorso proposto i partecipanti, superando un esame finale, otterranno la qualifica professionale legalmente riconosciuta di Educatore Animatore.

Essi saranno in grado di:

  • organizzare e gestire la propria attività
  • progettare interventi di animazione di carattere ludico, creativo epressivo
  • progettare le attività di carattere ludico, creativo ed espressivo finalizzate alla socializzazione, allo sviluppo delle potenzialità di crescita del bambino, allo sviluppo delle capacità creative e relazionali, alla promozione di percorsi di autonomia
  • realizzare gli interventi di animazione di carattere ludico, creativo espressivo
  • realizzare, anche in equipe, attività ludiche, ricreative espressive: laboratori manuali; interventi di animazione teatrale ed espressiva; attività ricreative (p.e. feste, giochi di gruppo); ecc.
  • gestire la relazione con i bambini, garantendo un buon clima nel rispetto dei loro bisogni
  • monitorare e valutare gli interventi realizzati
  • accudire i bambini di età fra i dodici mesi e i sei anni
  • accogliere i bambini presso apposito luogo attrezzato
  • rispettare i ritmi e i bisogni psico-fisici dei bambini in relazione ai livelli di sviluppo raggiunti
  • curare l’igiene del bambino
  • assicurare e garantire la sicurezza, pulizia e igiene degli ambienti
  • curare e garantire il mantenimento di ambienti accoglienti, puliti e rispondenti alle esigenze del bambino
  • assicurare i requisiti di sicurezza e igiene di spazi e arredi, in conformità alla normativa vigente in materia di luoghi pubblici e frequentati da bambini.

 

I requisiti per la partecipazione
Il corso è destinato a persone occupate, inoccupate o disoccupate, che siano in possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado e di adeguati requisiti psico-attitudinali.
Per i cittadini stranieri: conoscenza della lingua italiana almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue.
Per i cittadini extracomunitari: possesso di regolare permesso di soggiorno.